Come recuperare al massimo le ore di sonno durante le vacanza

(Photo by Creative Touch Imaging Ltd./NurPhoto)

Partiamo dalle regole base: dormire 5 ore al giorno, a meno che tu non sia Albert Einstein o Leonardo Da Vinci, è un progetto insostenibile. Sulle 6-7 ore al giorno cominciamo già a ragionare. Ma sono comunque poche se hai una vita lavorativa molto stressante, con sessioni infinite di riunioni, viaggi e progetti da concludere in tempi stretti.

Per questo motivo le tue vacanze devono essere una sorta di inno al relax, per recuperare energia e benessere.

Secondo Giuseppe Plazzi, presidente dell'Associazione Italiana Medicina del Sonno (AIMS) in estate è necessario un sonno di buona qualità: lo si ottiene andando a dormire non oltre la mezzanotte e svegliandosi non oltre le 10 del mattino.

E le famose 'serate' estive? Se vuoi tornare a casa con un fisico rigenerato, è meglio dimenticarle. Per ottenere il massimo, puoi concederti anche un pisolino pomeridiano di un'ora in una stanza il più possibile fresca e aerata, tra le 14 e le 15 possibilmente, con l'attività fisica e sportiva concentrata al mattino. Ricordati che prolungare troppo la pennichella può lasciarti intontito e di pessimo umore anche per ore, rovinando anche il momento del sonno effettivo.

Tutto è collegato al cibo, ovviamente: bisogna evitare di cenare tardi e bere alcolici in eccesso. Questo perché una digestione lunga esaspera lo stress di questo processo, facendoti dormire molto male. La sera è meglio alimentarsi con frutta, verdura e carboidrati semplici.

Se hai bambini o nipotini, queste regole valgono ancora di più; il ritmo dei più piccoli risulta devastato quando si sgarra in vacanza, e la loro impazienza e irritabilità diventa ingestibile se l'alimentazione è pessima e se gli orari sono casuali. Il segreto è sincronizzare i tempi, spostando eventualmente le lancette avanti a poco a poco rispetto al solito.

Se invece la vacanza è proprio il momento che hai scelto per tirare tardi, abbi almeno la cura, un paio di giorni prima di partire, di passare un paio di serate standard in modo da riabituare in fretta il tuo corpo al ritorno a casa. A volte ci dimentichiamo di quanto il corpo umano abbia bisogno di imparare nuovamente determinate abilità, e la vacanza ne è proprio la riprova.