come ridurre la pressione sanguigna grazie a un rimedio naturale

·3 minuto per la lettura
ipertensione
ipertensione

L’ipertensione arteriosa, ovvero la pressione alta, è un disturbo piuttosto comune, che interessa specialmente gli adulti oltre i 50 anni di età. È un valore da monitorare in maniera costante nel tempo, se si vogliono evitare complicazioni più gravi.

Cause dell’ipertensione

L’ipertensione dipende da alcune condizioni. Di solito, quando la quantità di sangue pompata nelle arterie dal muscolo del cuore è eccessiva, le arterie fanno fatica a resistere alla pressione del sangue, causando così l’ipertensione arteriosa.

Tale condizione, se si protrae nel tempo e non viene controllata, può portare a patologie più serie e più pericolose, come infarto, ictus cerebrale e angina pectoris.

Per prevenire questi enormi rischi per la salute, conviene fare delle visite periodiche e misurare la pressione ogni giorno, specie se rientrate nella fascia di età più a rischio.

Tra le cause principali responsabili dell’ipertensione arteriosa vi sono fattori ereditari, oltre ai cambiamenti che l’organismo inevitabilmente subisce con l’avanzare dell’età. Infine, con l’avanzare dell’età nelle donne viene meno la funzione protettiva svolta dagli estrogeni.

Rimedi naturali

Come abbiamo visto, se non si tengono sotto controllo i valori dell’ipertensione, potrebbero presentarsi gravi rischi per la salute, come malattie cardiovascolari.

Per evitare che questi problemi di salute si presentino, vi sono diverse soluzioni su cui fare affidamento.

La prima cosa da fare, ovviamente, consiste nella prevenzione del problema, che è possibile solo grazie a controlli periodici e grazie all’adozione di uno stile di vita più salutare, seguendo un’alimentazione sana e praticando attività fisica.

Vi sono poi le terapie farmacologiche, le più efficaci, che però possono presentare degli spiacevoli effetti collaterali. Come alternativa, esistono dei rimedi completamente naturali per combattere l’ipertensione. Uno tra questi è l’utilizzo di foglie d’ulivo.

Benefici delle foglie di ulivo

Le foglie di ulivo sono un rimedio adottato sin dai tempi antichi e possiedono molte proprietà benefiche per il nostro corpo. Le foglie di ulivo, infatti, sono in grado di ridurre la pressione arteriosa grazie all’azione degli estratti acquosi della pianta. Tali estratti agiscono come vasodilatatori sulle arterie e riequilibrano i valori minimi e massimi della pressione sanguigna.

Le foglie di ulivo contengono anche una sostanza, l’oleuropeina, che migliora istantaneamente la circolazione del sangue, abbassandone la pressione. Per questo, quando si assumono integratori o infusi a base di foglie di ulivo occorre fare attenzione alle dosi.

Le foglie di ulivo migliorano anche il metabolismo dei grassi come trigliceridi e colesterolo grazie all’acido linoleico contenuto nella pianta.

Per beneficiare di questi effetti positivi sul corpo, basterà assumere giornalmente due bicchieri di infuso di foglie d’ulivo a digiuno al mattino. In commercio esistono già dei preparati pronti all’uso.

Controindicazioni ed effetti collaterali

L’infuso di foglie d’ulivo non presenta particolari controindicazioni ed è stato dimostrato che chi lo beve in maniera costante non ha avuto alcun effetto collaterale.

Vi sono però alcune situazioni in cui bisogna fare attenzione. Se, infatti, si soffre di bassa coagulazione del sangue o si stanno prendendo farmaci anticoagulanti, l’assunzione di infuso di foglie d’ulivo deve essere concordata prima con un medico.