Come rinnovare la tessera elettorale scaduta o smarrita

Tessera Elettorale
Tessera Elettorale

Le elezioni si avvicinano ed è importante sapere cosa fare nel caso in cui la tessera elettorale sia scaduta oppure sia stata smarrita. Ecco la procedura per rinnovarla.

Tessera elettorale scaduta o smarrita: cosa fare e come rinnovarla

Cosa bisogna fare se la tessera elettorale è danneggiata, scaduta oppure smarrita? Come si può richiedere il rinnovo o il ritiro del duplicato? Le elezioni si avvicinano ed è il caso di controllare di non aver perso la propria tessera elettorale. Nel caso di smarrimento è possibile recuperare questo documento in tempi piuttosto veloci. Prima di tutto è importante chiarire che in caso di smarrimento della tessera elettorale non è possibile votare senza. I presidenti del seggio non possono fare alcuno strappo alla regola. Secondo le norme del Ministero dell’Interno, si può votare senza tessera solo quando i Comuni non sono riusciti a consegnare né la tessera né il duplicato.

Come richiedere un duplicato della tessera

In caso di smarrimento la procedura è semplice. Se la tessera elettorale è stata persa, la cosa da fare è recarsi all’ufficio elettorale del Comune di residenza con un documento d’identità e compilare un’autocertificazione per dichiarare lo smarrimento e richiedere il ritiro del duplicato. Non serve effettuare la denuncia. Se la tessera è stata rubata la procedura è diversa. Prima va denunciato il furto alle forze dell’ordine e poi è necessario fare richiesta all’ufficio elettorale del duplicato, presentando la denuncia e compilando un modulo.

Come richiedere il cambio se la tessera elettorale è esaurita

Se la tessera elettorale è esaurita in quanto piena di timbri, oppure deteriorata, è possibile richiedere il cambio e il rinnovo, compilando un’apposita domanda all’ufficio elettorale del Comune di residenza, che provvederà al ritiro del vecchio documento. Il Ministero dell’Interno ha chiarito che per rinnovare la tessera elettorale esaurita gli elettori si devono recare in tempo presso gli uffici del Comune “al fine di evitare una concentrazione delle domande nei giorni immediatamente antecedenti ed in quelli della votazione”.