Come sarà il 2020 delle borse europee?

Alessandro Galiani

I mercati azionari europei chiudono il 2019 al top da un decennio ma, secondo gli analisti, gli investitori devono stare attenti al prossimo anno. L'economia europea continua a rallentare e mostra segnali contrastanti. I record di Wall Street e l'ormai prossima firma della fase uno dell'accordo tra Cina e Usa stanno trainando i listini europei verso l'alto anche in quest'ultima parte del 2019.

L'indice Stoxx Europe 600, che comprende le azioni del Regno Unito, venerdì guadagnava lo 0,39% e si appresta a chiudere l'anno in rialzo del 23%, mentre il Dax di Francoforte, nonostante il Pil della Germania stia continuamente sull'orlo della recessione, senza però mai esserci entrato, è in crescita del 26% quest'anno, al top da sei anni.

"Per un investitore statunitense - spiega a MarketWatch Andrea Cicione, global strategist di TS Lombard - l'Europa sta recuperando in questo momento, il che è positivo, quindi ci sono opportunitaàa breve termine, ma a lungo termine il trend europeo sarà legato a doppio filo a quello della crescita economica. Pertanto, gli investitori dovranno essere agilmente e pronti a uscire dalla regione il prossimo anno se la ripresa risulterà in calo". Poi Cicione, con una sorta di post scriptum, avverte: "Non bisogna fare troppo affidamento sui governi europei per allontanare la regione da una crisi nel 2020".

Uno dei motivi per cui l'analista vede buone opportunità a breve termine è perché la crescita degli utili europei nel 2019è stata peggiore di quella degli Stati Uniti, quindi le aspettative sono basse e le valutazioni sono piu' ragionevoli. Andrew Milligan, global strategist di Standard Life Investments, guardando al futuro, punta piu' sulle azioni statunitensi che su quelle europee, poich[, secondo lui, l'Europa rimane un luogo in cui occorre selezionare attentamente le azioni.

Perché ciò cambi, secondo Milligan occorrerebbe che le aziende del settore finanziario funzionassero meglio e servirebbero dei segnali che la Banca centrale europea e le politiche di bilancio nazionali promuovessero maggiormente l'attività economica e che si verificasse un aumento della domanda dei mercati emergenti. "Se vedessimo forti stimoli di bilancio in Europa, che è un segnale che probabilmente vedremo più nel 2021 che nel 2020, saremmo più ottimisti. E lo stesso avverrebbe se arrivasse un maggiore stimolo dalla Cina a sostegno dell'industria automobilistica tedesca".