Come si gioca a calcio nel metaverso?

calcio-metaverso
calcio-metaverso

Il mondo in cui viviamo è sempre più tecnologico e, di conseguenza, in continuo mutamento. È il caso anche del calcio che, con il metaverso, si ritrova a combinare realtà virtuale e realtà reale, in una unione che sembra piacere molto a tifosi e spettatori, per certi versi, protagonisti. Dopo essere stata trasmessa la prima gara nel metaverso – quella tra Milan e Fiorentina – i progetti si fanno sempre più audaci e concreti, con diverse società pronte a investire e a credere nell’innovazione. A dare fiducia è anche il riscontro che si è avuto con i concerti a cui si poteva partecipare in maniera virtuale.

Calcio e metaverso: le innovazioni

Il termine metaverso è arrivato in Italia grazie a Mark Zuckerberg, ma il merito si deve attribuire a Neal Stephenson che ne ha coniato lo ha inserito nel 1992 in un suo romanzo di fantascienza. Il metaverso rappresenta una vera e propria innovazione che sembra gettare le basi per il cosiddetto web 3.0, sempre più interattivo. Moltissimi calciatori e tante società si stanno lanciando in questa nuova avventura che, secondo www.bookmakersaams.eu, potrà garantire numerosi vantaggi, in termini non soltanto economici.

Tra i vari casi da approfondire c’è quello del Manchester City, società inglese che ha deciso di investire nel metaverso per “costruire”, grazie alla collaborazione di Sony, il primo stadio al mondo in questa realtà virtuale, una vera e propria copia – in formato digitale – del conosciuto Etihad Stadium, terreno di gioco del club. Lo scopo principale è quello di avvicinare – e avvicinarsi – i tifosi provenienti da tutto il mondo, trasmettendo così la gara reale anche nella realtà virtuale, permettendo a chi non può raggiungere (fisicamente) lo stadio di essere il più vicino possibile al proprio club. In più, questo permetterebbe alla società di fare conoscere tutti gli eventi legati al club. Inoltre, grazie al metaverso, gli utenti-tifosi hanno l’occasione, tramite il proprio avatar, di incontrare i calciatori e poter acquistare gadget esclusivi e spesso in edizioni limitate.

L’idea dei citizens potrebbe fare da apripista, dato che anche il Real Madrid sta pensando di investire in un progetto simile, per sfruttare la novità e il grandissimo progresso tecnologico che si sta fondendo al calcio, creando così una seconda realtà, ovvero quella digitale. La società spagnola sta però aspettando il momento giusto per costruire un Bernabeu rivisitato, ovvero provvisto di un prato che possa mettere in scena partite di basket e di tennis, e ospitare fiere e concerti.

Ci sono anche tanti giocatori che stanno seguendo con attenzione lo sviluppo di questo mondo. Tra gli italiani c’è Marco Verratti. Il centrocampista del PSG si è detto molto interessato e aperto al mondo dell’innovazione e, per questo, ha comprato un immobile digitale, facendo sua una delle 25 isole digitali presenti sul marketplace di The Sandbox, diventando il primo calciatore al mondo a fare questo tipo di investimento. Messi in vendita prodotti esclusivi di Giorgio Chiellini, Gianluigi Buffon, Roberto Carlos e David Trezeguet.

Un nuovo modo di vivere lo sport

Un’evoluzione che si segue con moltissima attenzione, dato che rappresenta un investimento a lungo termine. Oltre al calcio, il metaverso si sta diffondendo tra i vari sport, in particolare in NBA e NFL, ovvero basket e football americano. In passato, aveva già colpito – in modo positivo – il mondo della musica, permettendo a chi era lontano e non poteva raggiungere il luogo del concerto, di assistere all’evento.

Ci si sta così preparando un’autentica rivoluzione tecnologica e digitale, con una nuova vita, quella online, che non andrebbe a sostituirsi a quella reale, bensì le darebbe manforte, permettendo così al mondo del calcio di ampliarsi ulteriormente e ottenere vantaggi su due diversi binari, quello tradizionale e quello innovativo.

Il metaverso rappresenta dunque già un ottimo investimento a livello economico, destinato a crescere ulteriormente, di oltre il 20% entro il 2028. Per le aziende, calcistiche e sportive (o anche di altro genere) si tratta dunque di un’occasione per fidelizzare i propri tifosi rendendoli più partecipati e dando modo di scegliere tra due mondi diversi, e anche quello di attirare nuovi tifosi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli