Come vivono i camionisti? Secondo tanti in condizioni da schiavi

·2 minuto per la lettura

Le cattive condizioni di lavoro, le lunghe distanze e le settimane - anche mesi - lontano da casa sono alcune delle ragioni della carenza di camionisti in tutta Europa.

Secondo gli autisti con cui Euronews ha parlato, le normative UE relative al salario adeguato o agli orari di lavoro vengono spesso violate, lasciando i conducenti vivere in condizioni che alcuni descrivono come "sfruttamento".

Edwin Atema, sindacalista: "Le aziende imbrogliano, in questo parcheggio ce ne sono tanti in queste condizioni, i conducenti sono isolati per mesi e mesi di fila e sono praticamente imprigionati nei camion. Non sono nostre affermazioni, è quello che dicono i conducenti ogni giorno. “Ci sentiamo imprigionati. Sappiamo cosa dice la legge ma la legge nessuno la rispetta".

La situazione è più difficile nel Regno Unito, che ha chiuso i battenti alla libera circolazione dei lavoratori a causa della Brexit. L'impatto ha portato a problemi di approvvigionamento alimentare nei supermercati e nelle stazioni di servizio dove i conducenti qualificati scarseggiano.

Dice David Henig – Esperto commerciale, Centro europeo di economia politica internazionale: “Il problema principale di questo è che il governo del Regno Unito non ha intrapreso le azioni necessarie per affrontare i problemi del lavoro che sarebbero stati probabilmente dopo la Brexit. Le aziende sono state riluttanti a farsi avanti e dire cosa sarebbe successo - anche quando lo hanno fatto, sono state riluttanti per non parlare troppo. Il governo tendeva a dire "questa è solo paura, ci abitueremo, tutto andrà bene".

Secondo coloro che hanno abbandonato il settore, è diventata la norma, per alcune aziende di trasporto, aprire filiali in paesi dell'UE con salari bassi, spesso nell'Europa dell'Est o al di fuori dell'UE per ridurre i costi. Ma ci si aspetta che i conducenti lavorino in Europa occidentale per lunghi periodi con stipendi relativamente bassi lontano da casa.

Ron Van Lingen – Ex proprietario di un'azienda di trasporti: “Alcune aziende hanno i loro uffici in Polonia o Turchia o in qualsiasi altro paese che offre salari più bassi. E gli autisti vanno poi a lavorare in Olanda o dovunque in Europa, ma vengono pagati secondo il salario dei propri paesi, invece della legge che dice che bisogna pagare l'autista di un camion olandese o di un camion tedesco secondo il salario tedesco. È un modo per ridurre gli stipendi e ridurre i costi e creare una posizione competitiva migliore, a rimetterci sono solo gli autisti".

Si prevedono problemi nell'industria da almeno un decennio. I sindacati dei camionisti affermano che ora spetta agli Stati membri dell'UE garantire il rispetto delle leggi sul lavoro e il miglioramento delle condizioni se la situazione deve essere risolta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli