Commercio, Parigi e Bruxelles pronte a ritorsioni a dazi Usa

Bea

Roma, 3 dic. (askanews) - Sei i due leader, Donald Trump ed Emmanuel Macron, si dicono convinti di poter ripianare le loro differenze, il governo di Parigi e l'Unione Europea sono pronti a dare battaglia se il presidente Usa passerà dalle parole ai fatti, imponendo dazi fino al 100% sulle importazioni di prodotti francesi, quali champagne e borsette, che hanno un valore complessivo di 2,4 miliardi di dollari.

La minaccia di tariffe punitive è arrivata stamani da Trump dopo un'inchiesta dell'amministrazione Usa che ha stabilito che la nuova tassa francese sui servizi digitali danneggia soprattutto i colossi tech statunitensi e alza il tono della disputa commerciale strisciante tra Stati Uniti ed Europa.

"Cominciano a tassare prodotti altrui perciò andiamo e li tassiamo" ha detto stamani Trump prima del vertice Nato. In precedenza Trump aveva detto che non consentirà alla Francia di approfittare delle società Usa e che l'Unione Europea tratta gli Usa in modo molto ingiusto sul commercio. (Segue)