Commissione Ue propone norme per rafforzare diritti sociali gig worker

·1 minuto per la lettura
Un corriere di Deliveroo a Londra

BRUXELLES (Reuters) - La Commissione europea ha annunciato un pacchetto di norme per dare ai lavoratori impiegati su piattaforme online come quelle di Uber e Deliveroo maggiori diritti sociali, e per creare condizioni di equità tra queste società e le imprese tradizionali.

Le società con piattaforme online che fissano gli standard salariali e di condotta per i loro lavoratori dovranno classificarli come dipendenti con salario minimo, ferie pagate e diritto alla pensione.

Le aziende, inoltre, saranno considerate datori di lavoro se monitorano l'esecuzione del lavoro attraverso dispositivi elettronici, limitano la capacità dei lavoratori di scegliere il loro orario di lavoro o i loro compiti, e non consentono di lavorare per terzi.

L'esecutivo Ue ha detto che le nuove norme potrebbero interessare tra 1,7 e 4,1 milioni di lavoratori sui 28 milioni occupati in oltre 500 aziende con piattaforme online in tutta l'Unione.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli