Como: crack di oltre 100 mln, imprenditore agli arresti domiciliari

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano 27 apr. (Adnkronos) – La Guardia di Finanza di Como questa mattina ha sottoposto agli arresti domiciliari l'imprenditore Giovanni Maspero. La misura cautelare è stata eseguita su richiesta del gip del Tribunale di Como, a seguito di un'articolata indagine delle fiamme gialle. L’esposizione debitoria complessivamente raggiunta dalle società coinvolte – fa sapere una nota della Procura di Como – "ammonta, per le sole imposte e contributi previdenziali di cui è stato omesso il versamento, ad oltre 100 milioni di euro".

Maspero dal 2014 al 2021 è stato amministratore unico della società "Prima comunicazione srl", nei cui confronti la Procura aveva presentato una richiesta di fallimento nel luglio 2020 per un'esposizione debitoria, principalmente nei confronti dell’Erario che, a settembre 2021, ammontava ad oltre 20 milioni di euro. La srl è stata fusa per incorporazione, insieme ad altre società coinvolte nell'indagine, nella “Giovanni Maspero & C. srl unipersonale in liquidazione”, che al momento è stata ammessa alla procedura di concordato preventivo.

La misura cautelare è scattata dopo che il nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Como ha eseguito una verifica fiscale sulla società Prima Comunicazione, rilevando – si legge nella nota della Procura – "il reiterato e sistematico inadempimento, già a partire dal 2012, delle obbligazioni tributarie e previdenziali". Le indagini hanno permesso poi di accertare "la successiva distrazione – in favore proprio o di altre società riconducibili all’indagato – della liquidità originata dal mancato versamento delle imposte con la susseguente sistematica falsificazione dei bilanci d’esercizio, attribuendo mendacemente alle somme distratte la natura di (inesistenti) crediti finanziari".

Oltre agli arresti domiciliari per Maspero, il gip ha disposto anche il sequestro preventivo di oltre 20mila euro e delle queste dell'imprenditore nella srl in liquidazione e nelle altre società coinvolte nelle indagini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli