Como, fatture false per oltre 7 mln: sequestrati denaro e immobili -2-

Red/Sav

Roma, 12 feb. (askanews) - Inoltre, l'amministratore della società dopo aver commesso gli illeciti tributari, da cui sono derivati consistenti risparmi d'imposta, ha posto in essere azioni propedeutiche a rendere vana qualsivoglia attività di riscossione da parte dell'Erario, svuotando i conti correnti e pubblicizzando online la vendita degli immobili e dei locali aziendali intestati. Per questo è stata richiesta ed ottenuta l'emissione di un provvedimento di sequestro delle disponibilità finanziarie e patrimoniali della società beneficiaria della frode e del suo amministratore, per un valore di oltre 1 milione e 700 mila euro, pari all'ammontare dell'Iva illecitamente evasa, mentre il rappresentante legale è stato denunciato per dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture relative ad operazioni inesistenti.

Complessivamente sono stati sottoposti a vincolo cautelare ad oggi beni del valore di circa mezzo milione di euro, in particolare un fabbricato industriale di pregio a Rovello Porro (Como), una polizza vita, l'intero valore delle quote societarie, conti correnti, tre autoveicoli, due immobili ed un terreno a Gioia Tauro (Reggio Calabria).