Compagnie aeree cinesi comprano sempre più aerei nazionali

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - Le principali compagnie aeree cinesi di proprietà statale stanno sempre più rivolgendosi all'industria nazionale, e in particolare alla Commercial Aircraft Corporation of China (COMAC), per la fornitura dei loro velivoli, rispetto ai velivoli dei due giganti americano Boeing ed europeo Airbus.

Secondo quanto rilevato da Nikkei Asia, le tre principali aerolinee cinesi pubbliche - China Southern Airlines, China Eastern Airlines e Air China - hanno rinunciato alla fornitura di 58 aerei dalla Boeing e di 53 dall'Airbus lo scorso anno.

A trarne vantaggio è stata finora la COMAC. Le tre compagnie hanno acquisito nel 2020 12 ARJ21, che sono i jet regionali del costruttore cinese. China Eastern ha inoltre raggiunto accordi per l'acquisto di altri 20 ARJ21 ed è nell'affare dei C919, un velivolo di medie dimensioni che è ancora nella fase dei test. La Cina Southern, dal canto suo, ha accordi per l'acquisto di 35 ARJ21 entro il 2024.

"L'acquisto di ARJ21 da parte delle linee aeree cinesi non è solo una decisione di affari", ha commentato a Nikkei Asia Fu Xiaowen, un docente del Politecnico di Hong Kong. "In una situazione normale le compagnie aeree cinesi continueranno comprare da COMAC", ha aggiunto.

Questa opinione è condivisa da altri esperti di settore, per i quali il ruolo di COMAC è sempre più destinato a crescere nel settore dei velivoli di media e grossa taglia. La compagnia con base a Shanghai è sotto il diretto controllo della SASAC, la commissione di supervisione e amministrazione degli asset di stato sotto la cui influenza ricadono i circa 100 conglomerati strategici di proprietà statale.

Questo ruolo è stato chiarito anche da Feng Zhanglin, il capo dell'Amministrazione dell'aviazione civile cinese (CAAC): "Faremo il possibile per sostenere l'industria nazionale di aviazione civile".