Compleanno Principe George, auguri troppo informali di Harry e Meghan: furia fan

Festa grande per il sesto compleanno del principe George dello scorso 22 luglio, nel quale il primogenito di Kate Middleton e del principe William ha ricevuto gli auguri da tutti, anche dagli zii Harry e Meghan. Proprio loro, però, si sono resi protagonisti di una involontaria gaffe dovuta agli auguri decisamente poco regali al piccolo erede al trono...

LEGGI ANCHE: -- La brutta notizia per il Principe George proprio nel giorno del suo compleanno: rischia di non essere Re

Festa grande per il sesto compleanno del principino George

Il bambino più grande di Kensington Palace ha ricevuto tantissimi messaggi di compleanno sia dai sudditi britannici che dai cittadini di altri paesi, dimostrando ancora una volta quanto sia popolare in tutto il mondo.

Inutile dire, però, che tra i tanti messaggi giunti al principe George, quello che si è distinto è stato senz’altro quello di Harry e Meghan, che hanno pubblicato un messaggino sotto al post ufficiale di Kensington Royal.

Happy Birthday – hanno scritto i duchi di Sussex con tanto di emoji di torta e palloncini - Wishing you a very special day and lots of love!” (Buon compleanno. Ti auguriamo un giorno molto speciale e un sacco di amore”).

george cumpleaños meghan markle harry

Gli auguri di Harry e Meghan al principe George fanno infuriare il web

La dolce nota, non è però stata troppo apprezzata dal popolo dei social, che ha cominciato a prendersela con Harry e Meghan per aver postato un messaggio di auguri troppo informale.

È il futuro RE. Trattatelo con rispetto”, si legge in un commento. E ancora: “È Sua Altezza Reale il Principe George per voi, non dimenticate di menzionarlo!”

Per dirla breve, dunque, si è innescata una discussione abbastanza accesa tra chi prende le parti di Harry e Meghan e chi invece li attacca duramente per non aver mostrato la dovuta riverenza nei confronti del Principe George.

Trovate più bello il messaggio da zietti amorevoli? Oppure sarebbe stato meglio attenersi ad uno schema un po’ più formale?

Foto: Kikapress