In 'Complottismi' Toselli indaga sulle teorie della cospirazione, dai terrapiattisti alle voci sul covid

·1 minuto per la lettura

Dai negazionisti dello sbarco sulla Luna ai terrapiattisti, dai sostenitori dell'autenticità dei fantomatici Protocolli dei Savi di Sion ai Rettiliani, fino alle ultime teorie e presunte rivelazioni sulla pandemia da covid-19: c'è un filo che lega tutte le teorie della cospirazione che si sono diffuse nella storia e che oggi, grazie all'amplificatore dei social, sono ancora più conosciute e difficili da sradicare e confutare. A fare ordine nel mare magnum delle dicerie di ogni epoca provvede il libro 'Complottismi' di Paolo Toselli (Editrice Bibliografica)

Considerato uno dei maggiori esperti di leggende metropolitane, Toselli si occupa da decenni di argomenti 'di frontiera'. Nel 1990 fonda il Centro Raccolta Voci e Leggende Contemporanee (CeRaVoLC) che oggi vanta un archivio documentale unico nel suo genere. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche, televisive e radiofoniche. È autore di numerosi libri tra cui 'La famosa invasione delle vipere volanti' (1994 e 2018), '11 settembre: leggende di guerra' (2002) e 'Storie di ordinaria falsità' (2004).

In questo volume agile e documentato, l'autore si addentra nel ginepraio delle tante teorie del complotto in cui nulla sembra accadere per caso, tutto è connesso e niente è come sembra. Sullo sfondo misteriosi gruppi di potere che deciderebbero le sorti del mondo, a volte addirittura in combutta con fantomatiche creature aliene o entità demoniache, in una società sempre più confusa e intrisa di incertezze. Il libro di Toselli vuole quindi fare luce sulle origini e sulla dinamica di una deriva infondata e complottistica, alimentata dalla sfiducia nelle istituzioni e nella politica, oltre che dalla perdurante diffidenza verso la scienza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli