**Comunali: Letta prepara dossier, voto 'test pesante' su schema alleanze segretario** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Nei prossimi giorni -ha detto Letta in tv- apriremo il dossier di Roma, penso che faremo le primarie. Ci sono diversi candidati, tra cui Gualtieri del Pd". Oggi Carlo Calenda è tornato a ribadire il no alle primarie. Una conferma che non stupisce il Nazareno, "lo sapevamo". I dem romani sollecitano il leader di Azione perché "prenda parte e collabori alla riuscita di un vero percorso riformista e progressista. Non lo deve fare per il Pd ma per il bene della Capitale", sottolineano e la sensazione è che la partita sia ancora tutta da giocare.

Ma Calenda non risparmia colpi anche nei confronti del possibile candidato Pd ovvero l'ex-ministro Roberto Gualtieri. "La sua esperienza è meno gestionale-amministrativa e più di relazioni in campo europeo. Roma oggi ha bisogno di una perizia gestionale-amministrativa molto, molto forte, perché è totalmente fuori controllo". Parole che fanno insorgere i dem da Debora Serracchiani a Andrea Romano. E Patrizia Prestipino sfida il leader di Azione: "Accetti le primarie se ha coraggio".

Gualtieri in serata parla in radio delle comunali a Roma spiegando di essere "onorato che in tanti nella politica e nella società civile stiano sollecitando il mio impegno". L'ex-ministro ribadisce che il Pd non sosterrà Virginia Raggi, "apriremo il dossier nei prossimi giorni. C'è in corso un lavoro positivo per una larga alleanza di centrosinistra. E le primarie si faranno? "Le primarie sono uno strumento molto importante e di selezione della classe dirigente".