Comunali: Stefano, 'a Nardò fatti gravissimi, Pd prenda distanze da Mellone'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 ott. (Adnkronos) – “A Nardò si sono svolti fatti gravissimi nel corso dei comizi di chiusura della campagna elettorale: pugni al volto e insulti omofobici, violenza fisica e verbale contro attivisti e il candidato sindaco Tiziano De Pirro a cui esprimo la mia solidarietà. Aggressioni neofasciste perpetrate da alcuni sostenitori del sindaco uscente Pippi Mellone -vicino da sempre alla destra estrema- e scatenate dalle sue parole gravi e agghiaccianti contro gli avversari politici che 'rappresentano il male della città' e per questo 'saranno asfaltati'. E questo sarebbe il sindaco illuminato che ha aperto la mente a qualche nostro compagno di viaggio e di partito?" Lo afferma il senatore del Pd Dario Stefano.

"Sono mesi -aggiunge- che denuncio la vera e propria emergenza democratica che vive Nardò e l’inaccettabile sostegno offerto dal governatore Emiliano alla candidatura di Mellone. Mi auguro che dopo questi fatti, a prescindere dall’esito delle elezioni, i vertici del Pd prendano coscienza di ciò che sta avvenendo. La nostra comunità non può avere nulla a cha fare con gente così. Mi aspetto parole chiare, forti e decisioni conseguenti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli