Comune Milano: al via le prime attività all’ex convitto del Trotter

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 giu. (askanews) - E' stata firmata la convenzione tra il Comune di Milano e l'Ati guidata da La Fabbrica di Olinda, per l'erogazione di servizi e attività sociali scaturiti dalla fase di co-progettazione e che saranno organizzati (anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo) negli spazi dell'ex Convitto del Parco Trotter del capoluogo lombardo. Lo ha annunciato l'Amministrazione, spiegando che l'avviso pubblico era nato dalla collaborazione tra il Comune di Milano e la Fondazione Cariplo per realizzare il primo "PuntoCom" (Punto di Comunità): uno spazio di 2.630 metri quadri dedicato a integrazione sociale, inclusione lavorativa, formazione professionale e crescita culturale. Qui saranno attivate "una pluralità di attività di carattere educativo, sociale e legate alla filiera alimentare e organizzate iniziative e manifestazioni culturali e ricreative rivolte a tutta la cittadinanza". L'Ati del progetto dell'ex-Convitto del Trotter vedrà coinvolte, per 17 anni, oltre alla cooperativa sociale La Fabbrica di Olinda in qualità di capofila, le cooperative Centro Servizi Formazione, Comin, l'associazione culturale Salumeria del design e Ludwig officina di linguaggi contemporanei.

"Un progetto importante a cui abbiamo tutti lavorato molto, in un percorso non privo di difficoltà, che è frutto di un impegno determinato e di una collaborazione proficua tra pubblico e privato, oltre che della passione di tante e tanti che hanno reso possibile la riqualificazione e la nuova vita sociale di un luogo di grande valore per il quartiere e per tutta la città" ha dichiarato la vicesindaca, Anna Scavuzzo, aggiungendo che "finalmente il progetto si presenterà con iniziative estive e già da ora pensiamo alla prossima primavera e all'avvio completo delle attività nell'ex Convitto".

Nel quadro di "Lacittàintorno" (programma di Fondazione Cariplo che coinvolge gli abitanti dei contesti urbani fragili nella riattivazione degli spazi inutilizzati o in stato di degrado, per migliorare la qualità della vita e creare 'nuove geografie' cittadine) si inserisce il sostegno di 1,3 milioni di euro all'Ati per la fase di start up del "Punto di Comunità", un dispositivo di ingaggio proprio del programma che si configura come luogo organizzato di inclusione sociale e promozione del protagonismo delle comunità.

Le principali attività educative che saranno ospitate all'ex Convitto dalla prossima primavera saranno quelle di doposcuola, laboratori legati al cibo, coinvolgimento delle scuole Primarie della zona, percorsi di formazione specifici in tema di educazione alimentare. Per quel che riguarda intrattenimento e cultura, saranno realizzate attività sociali per rendere vivo il quartiere (arti performative e visive, produzione eventi temporanei come mercatini e temporary shop). E ancora, portierato di quartiere, spazio ristorazione e bar, laboratori artigianali/partecipativi e cucina condivisa.

Alle 18 di oggi, presso i giardini di via Mosso angolo via Padova, si terrà un incontro pubblico con cittadini e associazioni di quartiere a cui prenderanno parte la vicesindaca Anna Scavuzzo, il direttore generale di Fondazione Cariplo Sergio Urbani e Thomas Emmenegger de La Fabbrica di Olinda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli