Comune Milano: nuovi fondi per riqualificazione energetica ... -2-

Red-Alp

Milano, 14 ago. (askanews) - "Queste risorse rappresentano un'importante opportunità per tanti condomìni che, ricordiamo, per questo tipo di interventi possono usufruire anche del green bonus introdotto dal governo Gentiloni" ha detto l'assessore all'Urbanistica e Verde, Pierfrancesco Maran, sottolineando che "i tetti verdi hanno un effetto fondamentale per ridurre le isole di calore nelle città, oggi a Milano ne abbiamo già un milione di metri quadri e gli studi dicono che, senza grandi lavori, se ne potrebbero aggiungere 12 milioni. Anche nel piano Milano 2030 stiamo affinando alcuni strumenti che accelereranno questo risultato".

Rispetto alla precedente impostazione del bando "Be2 2018" ora si dà la possibilità ad ogni edificio di presentare una singola modifica o più modifiche combinate fra loro relativamente a quattro aree di intervento: A. L'involucro dell'edificio esistente o parti di esso (installazione di pannelli solari, fotovoltaici o building automation di impianti termici ed elettrici). B. Interventi sull'impianto termico esistente (sostituzione di generatori di calore alimentati a gasolio con gas naturale o allacciamenti alla rete di teleriscaldamento, sostituzione di generatori a combustibile fossile con pompe di calore o impianti geotermici o pannelli solari). C. La realizzazione di tetti e o pareti verdi per aree condominiali o edifici adibiti ad uffici, purché sia garantito l'accesso al personale impiegato, ed edifici commerciali purché sia garantito l'accesso al pubblico. D. La depavimentazione di aree esterne private, come i cortili, libere da costruzioni, anche connesse a interventi di manutenzione, risanamento, ristrutturazione o restauro (per esempio nel caso della sostituzione di una caldaia a idrocarburi e l'eliminazione del serbatoio) senza demolizione e ricostruzione. Il bando avrà durata fino ad esaurimento delle disponibilità economiche messe a disposizione dall'amministrazione a eccezione degli interventi di sostituzione di caldaie a gasolio che devono essere presentati entro il 31 dicembre 2020.

Il bando del Comune è finanziato con oltre 24 milioni di euro (si tratta dello stesso ammontare già assegnato con il "Be2 2018"), Il contributo viene così suddiviso: 40% per interventi del tipa A; 53% per interventi del tipo B; 5% e 2% per interventi rispettivamente del tipo C e D ma i contributi possono sommarsi in caso di interventi combinati fra loro.

(segue)