Con Alvaro è un'altra storia. Juve sempre più innaMorata, dimenticato Suarez: lo spagnolo è un leader

Antonio Parrotto

Con Alvaro Morata è un'altra storia ed è un'altra Juventus. "Lo abbiamo scelto perché ha determinate caratteristiche" ripete spesso Andrea Pirlo. Forse è vero, ma non vanno dimenticate le trattative estive per portare in bianconero Luis Suarez.

Prima scelta o no, Alvaro ha già segnato 16 reti in questa stagione (a segno in tutte le competizioni, Supercoppa compresa). Dopo un periodo di appannamento a causa del citomegalovirus, un virus che ha debilitato pesantemente l'attaccante spagnolo, che aveva perso smalto e anche l'allegria che lo ha sempre contraddistinto.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.