'Con il Covid +10% ricerche sul web in Italia'

featured 1674267
featured 1674267

Roma, 22 nov. (Adnkronos Salute) – L’Italia aveva 10 punti percentuali in meno rispetto agli altri Paesi. In coincidenza con il Covid, a inizio 2020 i livelli di ricerca di informazioni sulla salute su web sono aumentati e hanno raggiunto i livelli degli altri Paesi. I valori sono addirittura diventati sovrapponibili a febbraio 2021. E’ lo spaccato sull’andamento della ricerca su web in tema di salute da giugno 2019 fino a novembre 2022 in 4 Paesi (Italia, Usa, Uk e Spagna) registrati da Sensemakers e ComScore Italia presenti nel corso del Talk ‘Dott. Google e gli altri: come si informano gli italiani’, nono webinar promosso e organizzato da Alleati per la Salute, il portale dedicato all'informazione medico-scientifica sostenuto da Novartis.

All'incontro – moderato dal giornalista Federico Luperi, Adnkronos consultant e trasmesso in diretta streaming nei canali social di Adnkronos e disponibile nel portale – sono intervenuti l’esperto nell’analisi dei media e dell’interpretazione dei dati relativi al comportamento e al profilo delle audience, Fabrizio Angelini, Ceo Sensemakers e ComScore Italia, e Tonino Aceti, fondatore e presidente Salutequità, da sempre al fianco delle associazioni di cittadini-pazienti nella tutela del diritto della salute e attento osservatore del fenomeno medico e della divulgazione scientifica.

“C’è un trend – osserva Angelini – che ultimamente accomuna noi alla Spagna e a Uk che mostra una discesa, quasi si stia riducendo quanto guadagnato, mentre i trend degli Usa sono i più stabili. L’aumento di interesse è un dato positivo, soprattutto se si va verso siti istituzionali. La tecnologia – continua – è neutra per definizione, ma in un ambito come la salute pubblica è fondamentale l’autorevolezza della fonte. La maggioranza della comunicazione mi pare arrivi da fonti autorevoli e, in ogni caso, c’è comunque una verifica con una persona fisica, il medico, il farmacista, anche se una prima ricerca si fa online, non ci vedo nulla di strano né di negativo”.

Aceti concorda, ma "serve la certificazione dei contenuti – aggiunge – E’ vero che ci sono nel tempo sempre più informazioni corrette, ma è anche vero che informazioni scorrette girano ancora e questa è una situazione di particolare criticità per il livello di alfabetizzazione sanitaria degli italiani su cui si deve continuare a lavorare. Si deve lavorare su due paini: sull’alfabetizzazione sanitaria e sull’informazione corretta. E’ chiaro che il punto di riferimento deve rimanere il medico, il professionista sanitario, c’è un passaggio ineludibile – conclude – tra quello che si legge sul web e il medico”.