"No all'accordo con il partito di Bibbiano". La base 5 stelle in rivolta

HuffPost

“Con il Pd è la fine del Movimento”. Le pagine Facebook del Movimento 5 Stelle e di Luigi Di Maio sono state prese di mira dagli elettori che hanno votato il partito fondato da Beppe Grillo, che criticano categoricamente un possibile accordo di governo con il Partito Democratico. I commenti con più “mi piace” e più interazioni sono proprio quelli che chiedono ai 5 Stelle di non allearsi con il partito di Renzi.

Piovono migliaia di commenti sotto il post del Movimento 5 Stelle che elenca i dieci punti fondamentali per i grillini da realizzare in questa legislatura.“Non con il Pd, sarebbe la fine del Movimento”, scrive un utente lanciando il suo monito. “State attenti, tra Salvini e il Pd, centomila volte Salvini. Là sono una tana di lupi che vi sta aspettando per cominciare a gustare un gustoso pranzetto”, commenta un altro elettore. Il fronte più condiviso è quello che suggerisce un nuovo “Governo del cambiamento” gialloverde: “Credo che solo tornando ad un accordo con la Lega si possa continuare a ricevere la fiducia di chi ha votato per il Cambiamento”.

 

 

Anche il profilo di Luigi Di Maio è stato raggiunto da migliaia di elettori, che chiedono anche di cambiare nome al Movimento in caso in cui si dovesse realizzare un governo giallo-rosso: “Voi dovevate essere il cambiamento, state per allearvi con chi avete sempre combattuto più di tutti al grido di onestà. Siete diventati esattamente come tutti gli altri, cambiate nome per il rispetto di chi vi ha votato credendo nelle vostre parole”. “Fino a lunedì rifletterci bene, riprendete da dove è stato interrotto”, scrive un utente suggerendo di riflette sulle nuove possibili alleanze. Tra i commenti, c’è anche chi invita a chiedere il responso degli elettori prima di istituire con governo con il PD: “Tassativo, come ha sempre detto Luigi: mai con il partito di Bibbiano. Comunque fino a martedì perché non consultate noi elettori?”. “Se finite col PD alle...

Continua a leggere su HuffPost