Con le sanzioni alla Russia, è in gioco la credibilità dell'Ue

La credibilità dell'Unione europea nell'approvare le sanzioni come risposta all'aggressione russa in Ucraina è in pericolo, visto che gli Stati membri non hanno ancora approvato le proposte per un embargo sul petrolio russo.

Uno dei maggiori ostacoli è rappresentato dall'Ungheria, data la sua dipendenza dal petrolio russo a basso costo. Il primo ministro ungherese Victor Orban sostiene anche che le sanzioni stiano causando instabilità economica.Chiede più tempo e più denaro dall'UE, compreso l'accesso ai fondi del Fondo di recupero che l'Ue sta tenendo bloccati a causa delle preoccupazioni riguardanti la corruzione a Budapest.

Parlando con Euronews, il primo ministro belga ha detto che Budapest non è l'unico Paese a chiedere deroghe, ma un accordo è possibile:

" Penso che sia possibile superare l'ostacolo, ma dobbiamo avere risposte alle preoccupazioni, che credo siano legittime. E queste preoccupazioni non riguardano solo l'Ungheria, ma tutti i cittadini europei", ha dichiarato Alexander De Croo, primo ministro del Belgio. "La politica estera può sopravvivere solo se la classe media è ancora in grado di difenderla. Insomma, avere il consenso della nostra popolazione è una cosa importante perché temo che ci aspetti un lungo periodo di instabilità e dobbiamo assicurarci che la gente non soffra troppo", ha aggiunto.

Tra gli altri Paesi che chiedono aiuto finanziario ci sono la Repubblica Ceca, la Slovacchia e la Bulgaria.

"Non si può costruire una raffineria di petrolio dall'oggi al domani o creare un nuovo oleodotto dall'oggi al domani. Tuttavia, noi come Bulgaria sosterremo pienamente la linea", ha affermato Kiril Petkov, Primo Ministro della Bulgaria. "Vogliamo solo avere una deroga speciale fino al momento in cui saremo in grado di gestirla, come nel caso dell'alternativa. Ma abbiamo anche dimostrato di essere stati molto rigidi con alcune delle misure che sono già state prese, tra cui il congelamento delle riserve bancarie della Federazione Russa", ha continuato.

Le sanzioni sul petrolio e la guerra russa in Ucraina domineranno il vertice dei leader dell'Unione europea di lunedì e martedì. Ma fonti dell'UE affermano che non modificheranno né alleggeriranno il pacchetto in modo da minarne la forza per farlo passare: si prenderanno tutto il tempo necessario per rimodellarlo in modo da garantire che punti a colpire le entrate della Russia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli