Con Omicron più casi in gravidanza ma meno ricoveri

no credit

AGI - Le donne in gravidanza durante la recente ondata di Omicron hanno contratto il Covid-19 a un tasso molto più elevato rispetto alle fasi precedenti della pandemia, ma avevano meno probabilità di sviluppare malattie gravi. A dirlo, uno studio degli scienziati della UT Southwestern e Parkland Health.

La ricerca, pubblicata su JAMA. “Le infezioni respiratorie, incluso il Covid-19, sono contagiose per le donne in gravidanza come lo sono per la popolazione generale", ha affermato Emily Adhikari, assistente professore e specialista in medicina materno-fetale presso UTSW e direttore medico delle malattie infettive perinatali presso Parkland Health. "Tuttavia, i loro effetti possono essere molto più gravi a causa dei cambiamenti fisiologici che si verificano durante la gravidanza: mentre la capacità polmonare di una donna diminuisce di circa il 20-30% durante la gravidanza, il consumo di ossigeno aumenta significativamente con la crescita del feto”, prosegue.

Già ricerche precedenti, compreso uno studio della stessa UTSW, avevano dimostrato che i ricoveri di donne in gravidanza sono aumentati durante l'ondata Delta, ma nessuna ricerca aveva ancora quantificato la gravità della variante Omicron in questa popolazione. A tale scopo, la dott.ssa Adhikari, insieme ai colleghi del Women and Infants Specialty Health di Parkland e dei Dipartimenti di Patologia e Pediatria dell'UT Southwestern, ha raccolto dati da pazienti che hanno ricevuto cure prenatali presso Parkland Health.

I ricercatori hanno raccolto informazioni sui casi positivi e la gravità della malattia, il che significa che il paziente necessitava di ossigeno supplementare o supporto di livello superiore dal 17 maggio 2020 al 29 gennaio 2022. I ricercatori hanno scoperto che durante questo periodo di tempo sono stati diagnosticati 2.641 casi positivi, che coprivano una fase pre-Delta, l'impennata delta e l'impennata dell'Omicron. La loro analisi ha mostrato che durante l'impennata Delta, il tasso di casi era tre volte superiore rispetto al periodo pre-Delta.

Il tasso di casi durante il picco di Omicron era 10 volte superiore rispetto al periodo pre-Delta. Tuttavia, mentre i casi di Delta erano circa tre volte più gravi dei casi pre-Delta, i casi di Omicron erano circa l'80% meno gravi.

Il gruppo di lavoro ha osservato che sebbene la vaccinazione possa aver svolto un ruolo nel ridurre la gravità della malattia, questa variabile è stata considerata, suggerendo che le differenze potrebbero essere dovute ad altri fattori, come il comportamento della particolare variante SARS-CoV-2 o l'immunità da precedenti infezioni. Poiché il futuro della pandemia rimane incerto, ha aggiunto Adhikari, la vaccinazione sarà la chiave per aiutare le donne in gravidanza a rimanere in buona salute se la prossima variante causa malattie più gravi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli