Col pasticcio del libro Sarah si gioca il conclave

Maria Antonietta Calabrò
Il cardinale Robert Sarah

Domani esce in Francia il libro a doppia firma “Benedetto XVI- Cardinale Sarah” sulla necessità del celibato dei preti, al centro dell’ultimo giallo vaticano, un vero e proprio liber-gate. E sarà un po’ come un Gronchi rosa (il francobollo che per errore fu stampato di questo colore ai tempi del Presidente della Repubblica Gronchi) per la Chiesa. Visto che la seconda edizione francese e quella italiana (in libreria a fine gennaio) saranno pubblicati con il cardinale come unico autore con “la collaborazione di Benedetto XVI”.

Lo ha confermato martedì a Le Figaro (che aveva avuto le prime anticipazioni del libro, domenica) sia il cardinale Sarah che il segretario privato di Ratzinger Georg Gänswein. Non quindi il “Cardinal Sarah” soltanto, con il ritiro del nome di Benedetto XVI, come è stato detto e scritto per gran parte della giornata di oggi. Il testo completo inoltre “rimarrà assolutamente invariato”.

La scelta di mantenere il contenuto del libro e dei testi di Ratzinger ma con la variazione della forma non è di poco conto. Il comparire di “Benedetto XVI” con firma e foto sulla copertina del libro, in poche ore si era trasformata in una delle nuove ‘bandiere’ degli anti-Bergoglio: una scelta che Ratzinger e il suo entourage hanno dovuto bloccare.

I testi di Ratzinger (che continuerà a firmarsi come collaboratore Benedetto XVI ) per il libro sono autentici, scritti, letti e rivisti, dal papa emerito, come documenta lo scambio di corrispondenza tra Ratzinger e il cardinale Sarah e che il cardinale Sarah ha pubblicato martedì mattina su Twitter

Questa corrispondenza smentisce la prima versione veicolata ad alcuni giornali nella serata di lunedì dall’entourage del predecessore di Papa Francesco, giudicata su Twitter di eccezionale gravità diffamatoria dallo stesso cardinale, accusato in sostanza di aver manipolato il vecchio vescovo emerito di Roma.

Ma i problemi non sono affatto finiti. Tanto che l’editore americano...

Continua a leggere su HuffPost