Concordia: i testimoni, 'Ho salvato i nonni sulla Concordia, sembrava il Titanic'

·1 minuto per la lettura

"Immagina, in una sola immensa scalinata, circa 100 persone che tentano di salire. Avrebbero dovuto far passare prima le donne incinte, i bambini, le persone disabili, ma non andò così. Sembrava il Titanic dove tutti pensano solo a se stessi. Presi in braccio mia nonna e, con tutta la forza che avevo in corpo, iniziammo a percorrere quella scalinata infinita". Omar Brolli - racconta Pablo Trincia nel podcast "Il Dito di Dio - Voci dalla Concordia" - è a pezzi per la fatica. Ha trasportato la nonna in sedie a rotelle sopra la scalinata per arrivare al ponte delle scialuppe dove si trovano la famiglia ed alcuni membri dell'equipaggio pronti a smistare i passeggeri sulle scialuppe. "Ricordo mio padre - prosegue Omar- che porta in salvo mia madre e mia sorella mentre io decido di rimanere, lì, accanto ai nonni. Non potevo andarmene".

Omar è rimasto sul lato sinistro della nave con suo nonno e sua nonna in sedia a rotelle. Guardandosi intorno vede le scialuppe già piene. Cerca quella riservata ai disabili, imbattendosi nella calca e in chi, pur di salvarsi, passa davanti a tutti. "Iniziai ad urlare più forte che potevo. - prosegue Omar - A parlare qualsiasi lingua per far capire che con me avevo una persona disabile. Finché un addetto alla scialuppa si accorse di noi e fece segno alle persone di farci spazio".

Trincia racconta di come Omar riesce a portarsi in salvo e raggiungere il Giglio accanto nonni. Riabbraccia finalmente tutti, ma non vede suo padre. Dopo aver salvato moglie e figli, Arnaldo era rimasto fino alla fine sulla nave, ultimo della famiglia ad abbandonarla.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli