Concordia: Costa Crociere dovrà risarcire naufrago per stress

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Alessandro Bianchi
REUTERS/Alessandro Bianchi

Costa Crociere dovrà risarcire un naufrago della Costa Concordia per lo stress provocato dal naufragio avvenuto la notte del 13 gennaio 2012 all'isola del Giglio, costato la vita a 32 persone.

Lo ha deciso il Tribunale di Genova che, a poco meno di dieci anni dal disastro, ha riconosciuto il danno patrimoniale e non patrimoniale subito da Ernesto Carusotti, uno dei passeggeri della Concordia.

Sono state infatti accolte le tesi del Codacons che chiedeva di riconoscere la responsabilità di Costa Crociere nel danno da stress post-traumatico recato all'uomo. 

Il Tribunale di Genova ha condannato la compagnia di navigazione a risarcire Ernesto Carusotti con 77 mila euro, e a pagare 15.692 euro di spese legali.

GUARDA ANCHE: Concordia, 9 anni dopo torna la posidonia sui fondali marini

"Si tratta di una importantissima vittoria per il Codacons, che fin da subito aveva sostenuto le responsabilità di Costa Crociere per l'incidente avvenuto all'Isola del Giglio, e la totale incongruità degli indennizzi riconosciuti dalla società ai naufraghi della Concordia", ha fatto sapere l'associazione dei consumatori.

GUARDA ANCHE: Costa Concordia: Schettino condannato a 16 anni in Cassazione “Busso in carcere perchè credo nella giustizia”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli