Concorsi truccati all'università, indagato il virologo Galli. Scontro con la Gismondo

·1 minuto per la lettura
(Photo: Marco Luzzani - Inter via Getty Images)
(Photo: Marco Luzzani - Inter via Getty Images)

Il virologo milanese Massimo Galli, già primario del reparto di Malattie infettive all’Ospedale Sacco di Milano, risulta tra i 24 indagati della procura di Milano e dei carabinieri del Nas nell’inchiesta su alcuni concorsi truccati all’università.

L’indagine, avviata nel marzo 2018, su segnalazione di irregolarità nella gestione delle iscrizioni a numero chiuso alla facoltà di medicina ed Odontoiatria dell’Università Statale di Milano - un dentista che chiede a un docente di favorire i figli nel corso di laurea di Igiene dentale - ha per oggetto più episodi di condizionamento delle assunzioni pubbliche di docenti ordinari ed associati secondo criteri non meritocratici.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, come riporta Repubblica, Massimo Galli ha influenzato diversi bandi. Uno riguarda l’assegnazione del posto da professore di seconda fascia in malattie infettive presso il Sacco. Poi il tentativo di favorire due altre collaboratrici a stretto contatto con lui, “modellando” le procedure di selezione per posti da dirigenti biologici e decidendo la commissione giudicatrice. Intento bloccato da Maria Rita Gismondo, direttrice di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica del Sacco, che aveva minacciato di denunciarlo. Galli infine è indagato per il bando per un posto da associato al dipartimento di Scienze Mediche dell’università di Torino.

L’inchiesta vede indagati 17 docenti della Statale di Milano, e sette in altri atenei: uno dell’università Bicocca (sempre a Milano) e un docente ciascuno per l’università di Pavia, Tor Vergata e Sapienza a Roma, Torino, Palermo. Con loro anche cinque ricercatori.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli