Concorsi universitari truccati, indagato Galli: "Favorì assunzioni e falsificò verbali"

·1 minuto per la lettura

L'infettivologo Massimo Galli, tra le figure più noto nel campo e ospite fisso negli ultimi mesi di tante trasmissioni tv per parlare di Covid-19, è tra gli indagati nell'inchiesta della procura di Milano su presunte irregolarità nella gestione delle iscrizioni a numero chiuso della facoltà di Medicina per l'assunzione di docenti, assistenti e dirigenti ospedalieri. 

LEGGI ANCHE - Riapertura discoteche, Galli: "Possibile ma con più giovani vaccinati"

Secondo quanto riferito dai pm avrebbe "turbato" con "promesse e collusioni" la procedura per assumere a tempo determinato "4 dirigenti biologi" per favorire in particolare "due candidate". Nello specifico Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, avrebbe truccato il "concorso" per favorire un candidato risultato vincente e avrebbe commesso un falso come componente della "commissione giudicatrice" sul verbale di "valutazione dei candidati" il 14 febbraio 2020. Avrebbe attestato che il "prospetto contenente i punteggi attribuiti fosse il risultato del lavoro collegiale", mentre fu "concordato" solo dopo.

LEGGI ANCHE - Galli: "In televisione solo con autorizzazione? Nemmeno Mussolini"

Tra le accuse ipotizzate, associazione per delinquere, corruzione e abuso di ufficio. In tutto sono 33 gli indagati, tra cui 24 docenti delle Università di Milano, Pavia, Torino, Roma e Palermo. Ad essere iscritto nel registro degli indagati anche Massimo Andreoni, ordinario alla Sapienza di Roma, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e primario al Policlinico Tor Vergata. Andreoni risponde di falso in concorso con Galli e altri colleghi come componente della commissione giudicatrice del concorso bandito a luglio 2020 per un professore di seconda fascia all'università di Torino.

VIDEO - Covid, Galli: immunità di gregge solo se si vaccinano i bambini

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli