Concorso della scuola, due errori nel test: ci sarà un ricalcolo dei punteggi

·1 minuto per la lettura
scuola
scuola

Il Comitato tecnico scientifico nazionale, nominato dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, ha inserito due errori nelle prove scritte a quiz del concorso ordinario della scuola secondaria.

Concorso ordinario della scuola secondario, gli errori nel quiz

Cisl Scuola e Flc Cgil si sono rivolte alla commissione nazionale per chiedere delucidazioni su due quesiti sbagliati, inseriti nelle prove scritte a scelta multipla. Il primo errore riguardava una domanda sulla Costituzione.

L’articolo 34 delle Costituzione riconosce:

a) Il ruolo degli istituti comprensivi nell’ambito territoriale;
b) Le modalità organizzative degli istituti paritari;
c) La libertà d’insegnamento;
d) L’autonomia delle istituzioni scolastiche.

Secondo il test la risposta esatta doveva essere la C, ma in realtà nessuna delle risposte era considerabile come corretta.

Il secondo quesito errato era riferito ad un calcolo della densità.

Se si immerge un solido avente massa 0,1 kg in un recipiente contenente 100 cm3 di acqua, il livello di questo cresce e il volume totale del liquido più il solido immerso sale a 125 cm3. Quanto vale la densità assoluta del solido?

a) 0,004 kg/m3;
b) 400 kg/m3;
c) 4 g/dm3;
d) 400 g/cm3.

In questo caso la risposta esatta sarebbe stata 4000 kg/m3.

Il ricalcolo dei punteggi dei candidati

Il sito ufficiale di Flc Cgil spiega che i punteggi di coloro che si sono sottoposti al test, verranno ricalcolati: “La Commissione nazionale ha riconosciuto che due quesiti non contengono alcuna risposta corretta tra le 4 opzioni proposte. Pertanto, ai fini del calcolo del punteggio, verranno riconosciuti a ciascun candidato due punti per qualsiasi risposta, anche nel caso di risposta non data.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli