Condannato per aver rubato 50 dollari, esce di prigione dopo 36 anni

webinfo@adnkronos.com

Esce di carcere dopo aver scontato 36 anni, un uomo dell'Alabama condannato all'ergastolo per aver rubato 50,75 dollari in una panetteria quando aveva 20 anni. A raccontare la straordinaria storia di Alvin Kennard è il 'Guardian', che indaga le cause di una pena così sproporzionata. 

Quando è entrato in prigione Alvin aveva 22 anni, era il 1983. Ora ne ha 58 e un giudice ha ordinato la sua liberazione dalla struttura di Donaldson a Bessemer. Kennard era stato condannato con l'Habitual Felony Offender Act dell'Alabama, un procedimento noto come 'la legge dei tre strike'. Per cui alla terza violazione, il recidivo viene condannato a una pena molto pesante, che può arrivare anche all'ergastolo. 

La notizia è stata accolta con immensa gioia da amici e familiari, nonché da Kennard che davvero credeva che sarebbe rimasto in carcere tutta la sua vita. "E' stato sopraffatto da questa opportunità - ha detto il suo avvocato, Carla Crowder al 'Guardian' - avrà grande supporto dalla famiglia, che gli è sempre stata vicina". 

In America ci sono centinaia di prigionieri vittime di questo tipo di condanne ingiuste, spesso abbandonati per mancanza di avvocati e denaro per difendersi.