Condannato per la morte del cognato, fa sparire i soldi dell'assicurazione

Soldi
Soldi

Quando il cognato è morto in azienda, aveva incassato 1 milione di euro dall’assicurazione. Quando è stato condannato, si è scoperto che i soldi erano spariti e la famiglia della vittima non ha incassato un euro.

Veneto, condannato per la morte del cognato in azienda incassa 1 milione di euro e li fa sparire

Alla morte del cognato nella sua azienda aveva incassato 1 milione di euro dall’assicurazione per una polizza sottoscritta a copertura di gravi incidenti in fabbrica. Quando è stato condannato al risarcimento del danno alla famiglia della vittima, quei soldi erano spariti, così come gli immobili e attività della ditta. I familiari della vittima non hanno incassato neanche un euro. La storia arriva dal Veneto e ha colpito anche per il rapporto di parentela tra il datore e la vittima. La tragica morte del dipendente è avvenuta tre anni fa. Il titolare aveva chiesto e incassato dall’assicurazione il premio per una polizza sottoscritta per tutelarsi in caso di incidenti. Pochi giorni dopo quei soldi sono stati fatti sparire.

I parenti della vittima non hanno ricevuto nulla

Quando è arrivata la sentenza del tribunale civile che ha condannato l’imprenditore al risarcimento di 1,3 milioni alla famiglia della vittima, non era rimasto nulla. Ai parenti, tra cui la sorella e i nipoti, non è andato neanche un centesimo. Oltre al risarcimento dell’assicurazione, anche gli immobili sono stati intestati ad altri, mentre la ditta è stata cancellata dal registro delle imprese. La scoperta dei movimenti bancari e del passaggio di proprietà è arrivata quando la famiglia della vittima ha fatto denuncia alla guardia di finanza di Treviso per capire che fine avessero fatto i soldi.