Condomini minacciano coppia gay: "Siete un cancro, non siete graditi"

·1 minuto per la lettura

Minacce, insulti omofobi fino ad arrivare al danneggiamento dell'auto. È quanto ha subito una coppia gay di Torino che nei giorni scorsi ha denunciato ai carabinieri il clima di terrore in cui sono costretti a vivere nel palazzo in cui risiedono, nel quartiere 'Barriera di Milano'. 

Le liti, secondo quanto riportato da La Stampa, sarebbero iniziate per alcuni lavori e per il cambio di amministratore, poi sfociate in vere e proprie minacce. "Per adesso ci limitiamo alla macchina, presto vi manderemo via da questo condominio. Quelli come voi non sono graditi", è il bigliettino che i due hanno trovato nella cassetta della posta dopo che la loro auto la scorsa settimana è stata danneggiata.

Nelle parti comuni erano stati appicciati nei mesi precedenti biglietti dove la coppia veniva definita "un cancro per il palazzo". Alex, 44 anni, e il suo compagno vivono nello stabile dal 2018 e diverse sono state le minacce e gli insulti ricevuti. Una donna addirittura ha minacciato di ricorrere al nipote "grande e grosso" per dargli una lezione.

Dal sindaco Chiara Appendino solidarietà alla coppia: "Anno 2021 e i cancri da estirpare rimangono l'odio e l'ignoranza". Chiara Foglietta, consigliera comunale di Torino da sempre in prima fila nella lotta per i diritti LGBTQ+, ha commentato: "Torino è la città dei diritti. Lo diciamo sempre perché in questa direzione amministrazioni e associazioni cittadine si sono sempre mosse e spese, diventando un faro anche a livello nazionale. Questi episodi, però, ci indicano come non si debba mai dare niente per scontato. Non è accettabile che una discussione tra vicini diventi terreno per l'omofobia. Cercherò di mettermi in contatto con la coppia fin da subito per dare il mio sostegno di persona".

VIDEO - Appendino "Si apre fase nuova per M5S"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli