Confagri: San Valentino un momento per rilanciare consumi fiori

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 feb. (askanews) - Vedere il 14 febbraio come un momento sì romantico, ma anche come un appuntamento per rilanciare i consumi, cambiando così la sorte di un comparto strategico come quello agrituristico, ma anche florovivaistico, che in questo ultimo anno, con l'emergenza sanitaria legata al covid e il conseguente blocco delle attività del settore, ha vissuto una crisi economica e sociale senza precedenti a causa della sospensione di eventi e cerimonie, con perdite fino al 70%.

E' l'invito di Confagricoltura: a chi decide di regalare un'emozione con i fiori in questa ricorrenza speciale, l'associazione esorta ad acquistare rigorosamente quelli coltivati in Italia. Il fiore nostrano, a differenza di altre produzioni estere che si coltivano in serra, ha la possibilità di nascere e crescere sotto la luce diretta del sole.

Il florovivaismo nel nostro Paese rappresenta quasi 3 miliardi di euro di fatturato, 30 mila imprese ed oltre 100mila addetti. Garantisce un contributo rilevante in termini di crescita ed occupazione - senza dimenticare i benefici che i nostri vivai generano per l'ambiente e l'ecologia - di qualità della vita e del futuro del pianeta.