Confagricoltura, 5.500 Stelle di Natale per personale del Gemelli

·3 minuto per la lettura
Confagricoltura, 5.500 Stelle di Natale per personale del Gemelli
Confagricoltura, 5.500 Stelle di Natale per personale del Gemelli

Roma, 18 dic. (askanews) – Le Stelle di Natale, simbolo delle Feste, per colorare gli ambienti del Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, messaggio di ottimismo e speranza per il futuro.

Così Confagricoltura, donando 5.500 piante a tutto il personale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS ha voluto trasmettere la propria vicinanza ed il proprio ringraziamento a medici, infermieri, operatori sanitari, personale tecnico-amministrativo del Gemelli. In prima linea nella lotta al Covid così come in prima linea, specialmente durante il primo lockdown, sono stati gli agricoltori italiani.

Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura:

“Noi agricoltori abbiamo cercato di dare una forte mano al paese in un momento difficile come quello che abbiamo vissuto nei mesi scorsi. C’è stato chiesto di produrre e lo abbiamo continuato a fare. Ma c’è stata la realtà dei medici, degli infermieri, che più di noi hanno dato un contributo importante al paese. In un Natale un pò strano come questo, io credo che il segnale che abbiamo voluto dare è stato proprio un segnale di vicinanza e di gratitudine a chi insieme a noi in quei mesi difficili ha dato una mano e un aiuto forte al paese”.

Un messaggio che è di speranza, anche per una ripresa del settore agricolo e florovivaistico made in Italy. Ancora Giansanti:

“Io mi auguro e spero che i cittadini vogliano consumare in questo Natale cibi italiani, in un Natale difficile nel quale ritrovare la forza delle nostre origini, delle nostre tradizioni soprattutto a tavola, nello stretto della nostra più intima cerchia familiare. Quindi ritroviamo quei valori della tradizione enogastronomica italiana fatti con cura e passione dagli agricoltori. Magari con una bella stella di natale perchè il settore del florovivaismo è un altro settore importante che da tanto lavoro in Italia”.

Speranza e voglia di ripartenza a chiusura di un anno particolarmente difficile anche per il Gemelli, con l’invito a riconoscere concretamente da parte delle istituzioni il ruolo svolto nel lotta alla pandemia. Il presidente della Fondazione Gemelli Fratta Pasini:

“Speriamo che questo ruolo e questo sforzo di ospedali come il Policlinico Gemelli che si sono fatti carico pur non essendo obbligati di questa emergenza dedicando non solo un intero plesso ospedaliero ma addirittura poi convertendo una parte significativa dei propri letti e della propria operatività venga riconosciuto anche a livello politico e anche normativo, perchè sarebbe non giusto e non equo che chi ha sostenuto e sostiene nell’emergenza il paese debba subirne gli effetti sull’operatività ordinaria sconvolta e magari esca da questa pandemia non solo spossato felicemente per aver fatto bene la propria attività ma magari fiaccato anche nelle risorse finanziarie e nel profilo economico. Cosa che ritengo sarebbe non equo e non perdonabile”.

Protagonista dell’evento avvenuto in occasione dello scambio degli auguri ai dipendenti del Policlinico Gemelli, anche l Associazione Nazionale Pensionati Agricoltori, l’Anpa, con il segretario generale Angelo Santori:

“Troppo spesso i pensionati sono anche lavoratori attivi delle loro aziende, perchè in agricoltura non si va mai in pensione. Per questo motivo siamo sempre in prima linea con la nostra organizzazione madre e vogliamo continuare ad essere utili per tutti, per le famiglie, per la società e ancora di più per la nostra organizzazione”.