Confcommercio: con le nuove misure nessun problema di forniture del cibo

"Non vi è nell'immediato il rischio di non reperire prodotti alimentari e i nostri lavoratori stanno garantendo questo servizio essenziale. Occorre però prestare attenzione alle misure previste dal DPCM che i nostri associati hanno tutta l'intenzione di rispettare”. Così Donatella Prampolini, vicepresidente di Confcommercio e presidente della federazione italiana dettaglianti alimentari, sulla situazione del settore alla luce delle nuove disposizioni del Governo per fronteggiare l'emergenza coronavirus.

"L'accesso ai supermercati e negozi alimentari sarà controllato per fare in modo che non vi siamo assembramenti e che venga garantita la distanza minima di sicurezza di 1 metro-all'ingresso dei punti vendita sono disponibili gel disinfettanti per le mani-le superfici di vendita sottoposte a contatti con i clienti saranno disinfettate costantemente Ricordiamo - continua Prampolini - che i lavoratori dei punti vendita alimentari sono autorizzati a recarsi sui punti vendita, ma solo se in perfette condizioni di salute. Chiediamo ai consumatori di attenersi alle linee guida, evitando inutili ammassamenti perché il servizio sarà garantito per tutta la settimana, ininterrottamente, e molti punti vendita stanno anche predisponendo servizi di consegna a domicilio".