Confcommercio Lazio a Bruxelles: meno burocrazia

Bet

Roma, 2 ott. (askanews) - "Una visita importante per portare all'attenzione degli stakeholder europei gli ottimi risultati del Lazio nel settore delle esportazioni". Ad affermarlo è Giovanni Acampora, presidente di Confcommercio Lazio e consigliere nazionale della Confederazione, in missione a Bruxelles, al Parlamento Europeo e alla Delegazione Ue di Confcommercio International dove ha portato "le istanze delle imprese laziali che chiedono meno burocrazia per consolidare il dato dell'export ed essere più competitive con l'estero". "Ho ribadito, inoltre, nel corso dei vari incontri, che occorre una cabina di regia nazionale che metta a sistema tutti i protagonisti della Blue Economy, da tutti gli addetti ai lavori unanimemente riconosciuta come una necessità improcrastinabile - aggiunge Acampora - pensare che oggi la Blue Economy sia un'opportunità solo di alcune categorie produttive, seppur molto importanti, e non ragionare come filiera del mare che annovera al suo interno una pluralità di settori complementari tra loro, che spaziano dalla cantieristica fino alle compagnie di navigazione passando per la pesca, il food, il turismo e la moda, è segno di grande miopia". "In particolare, nel corso della visita all'ufficio di Confcommercio International presso la Ue, ho rappresentato alla responsabile Marisa Ameli, la necessità di una visione più ampia del sistema dell'economia del mare per individuare nuovi orizzonti di sviluppo e opportunità", conclude Acampora.