Conferenza mondiale dei Garanti privacy, nuove linee strategiche -2-

Sav

Roma, 28 nov. (askanews) - Nella "Risoluzione sul ruolo dell'errore umano nei data breaches" viene messa in evidenza la necessità di un'adeguata formazione del personale, di ulteriori misure per la riduzione del rischio e della costituzione di un archivio globale dove tener traccia delle violazioni. La "Risoluzione sulla promozione di strumenti pratici di breve e lunga durata e una continuativa strategia giuridica per un'efficace cooperazione nell'enforcement transnazionale" propone, tra i vari punti, la mappatura di eventuali impedimenti giuridici riscontrati nelle procedure di cooperazione, così da favorire l'individuazione di apposite soluzioni. La "Risoluzione per supportare e facilitare la cooperazione tra Autorità di protezione dati e le competenti autorità per la tutela dei consumatori e della concorrenza, al fine di raggiungere standard di protezione dati chiari e globalmente elevati nell'economia digitale" amplia lo spettro di azione dei Garanti privacy, chiedendo un coordinamento maggiore con altri importanti regolatori del mercato digitale. La "Risoluzione sui social media e i contenuti online di natura violenta ed estremista" propone misure urgenti contro i messaggi d'odio, senza limitare il diritto di espressione.

Nel corso dei lavori è stata adottata anche una risoluzione che delinea il piano d'azione della Conferenza fino al 2021. A tal proposito, è stato deciso di garantire un'organizzazione più strutturata alla rete globale di Autorità privacy (ICDPPC), trasformandola, già a partire dal 15 novembre 2019, in un nuovo organismo permanente, più visibile e operativo, la Global Privacy Assembly (GPA).

Il prossimo forum annuale delle Autorità privacy di tutto il mondo si terrà in Messico nel 2020.