Conferenza mondiale dei Garanti privacy, nuove linee strategiche

Sav

Roma, 28 nov. (askanews) - Riconoscimento della privacy come diritto fondamentale per il buon funzionamento delle democrazie, lotta sui social media ai messaggi inneggianti al terrorismo, più intensa cooperazione tra le Autorità che tutelano i dati personali e quelle che operano a tutela dei consumatori e della concorrenza, riduzione dell'errore umano nelle violazioni dei dati. Queste sono alcune delle linee strategiche definite nel corso della quarantunesima conferenza internazionale delle Autorità per la protezione dei dati (ICDPPC), dal titolo "Convergence and connectivity raising global data protection standards in the digital age", che si è tenuta a Tirana (Albania) dal 21 al 24 ottobre scorso.

Le oltre 120 Autorità intervenute all'evento annuale hanno lavorato per definire un programma di lavoro comune, che possa rafforzare la protezione dei dati su scala globale. Hanno quindi adottato sei risoluzioni.

La "Risoluzione sulla privacy come diritto umano fondamentale e prerequisito per l'esercizio di altri diritti fondamentali", che ha visto come co-sponsor il Garante italiano, riconosce il ruolo fondamentale di questo diritto per il corretto funzionamento delle democrazie sottoposte, tra l'altro, ai rischi generati dalla profilazione e dall'uso di messaggi manipolatori in campo politico. A tale proposito, è stato chiesto un fattivo intervento anche a governi, legislatori e mondo imprenditoriale.

(Segue)