Ha confessato il presunto killer della 16enne trovata morta in un bosco

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 giu. (askanews) - Ha confessato ed è stato immediatamente fermato il presunto assassino di Chiara Gualzetti, la ragazza di 16 anni scomparsa dalla casa di famiglia domenica mattina e ritrovata morta ieri pomeriggio in un bosco del "Parco Regionale dell'Abbazia di Monteveglio", a poche centinaia di metri dall'abitazione dove viveva insieme ai genitori: è un amico e coetaneo della vittima.

Il decreto di fermo, firmato dal pm Simone Purgato, magistrato della procura dei minori di Bologna, è scattato alle 4:30 di questa mattina, subito dopo la confessione del giovane, ed è stato eseguito dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Borgo Panigale. Oltre all'ammissione del ragazzo, gli inquirenti sono conviti di avere in mano "molteplici riscontri oggettivi" in grado di inchiodarlo. Sono in corso accertamenti investigativi per ricostruire il movente del gesto. Nel frattempo, il presunto responsabile è stato portato in un Centro di giustizia minorile in attesa dell'udienza di convalida davanti al gip, mentre il cadavere della vittima si trova al Deposito Osservazione Salme di Bologna.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli