Conflitto ucraino, accordo del grano prorogato ma Mosca avverte non oltre il 19 novembre

La Russia non ha ancora deciso se estendere l'accordo per le esportazioni di grano dai porti ucraini raggiunto grazie alla mediziaze turca. L'intesa dovrebbe scadere il 19 novembre.

Intanto già nelle prossime ore, come anticipato dal ministro delle Infrastrutture ucraino, Oleksandr Kubrakov, partiranno 8 navi cariche di grano e olio di semi di girasole.

Fondamentale il ruolo di mediazione della Turchia del presidente turco Recep Tayyip Erdogan che è stato ringraziato dal presidente ucraino

Stando al cremlino, Mosca ha deciso di rientrare per il momento nell'accordo dopo che la Turchia ha convinto Kiev a "firmare garanzie scritte" secondo cui i corridoi per le navi mercantili non saranno utilizzati dall'Ucraina "a scopi militari".

La Russia si era dissociata dall'intesa dopo un attacco avvenuto sabato al quartier generale della sua flotta sul Mar Nero a Sebastopoli, in Ucraina.

Khalil Hamra/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
AP Photo - Khalil Hamra/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.

L'esercito ucraino, intanto, ha effettuato un attacco aereo contro le posizioni russe nel sud dell'Ucraina, distruggendo quattro depositi di munizioni russe e carri armati che trasportavano carburante, mentre nella notte alcune esplosioni hanno scosso la città ucraina di Nikopol, nella regione di Dnepropetrovsk.

Il ritiro di Mosca dall'accordo, che aveva fatto seguito a quello che era stato definito un "attacco terroristico" con droni alla sua flotta del Mar Nero a Sebastopoli, aveva riacceso i timori sulla fame nel mondo e sullo smisurato aumento dei prezzi dei generi alimentari.