Congo, moglie Attanasio: "Pam non organizzò protezione in modo opportuno"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Il Pam non ha organizzato la protezione in modo opportuno. Non hanno fatto quello che va fatto per una zona a rischio. Sicuramente dentro il Pam qualcuno sapeva che la scorta non era efficace". Lo ha dichiarato al 'Corriere della Sera' Zakia Seddiki, la moglie dell'ambasciatore Luca Attanasio, ucciso lunedì scorso nella Repubblica Democratica del Congo in un'imboscata in cui hanno perso la vita anche il carabiniere Vittorio Iacovacci che lo accompagnava e l'autista Mustapha Milambo.

Attanasio "è stato tradito nel senso che chi ha organizzato sapeva che la sicurezza non era nella misura adeguata per proteggere lui e le persone con lui", ha insistito Seddiki, affermando che l'ambasciatore "è stato invitato dal Programma alimentare mondiale per una visita su un progetto del Pam per le scuole. Era previsto che organizzassero tutto loro".

"Non è che il Pam sia una piccola organizzazione. Hanno detto ce ne occupiamo noi ed è giusto fidarsi di un'organizzazione così grande, soprattutto parlando di questo - ha aggiunto - Luca non ha mai fatto un passo fuori dalla residenza o dall'ambasciata senza la sua scorta e senza i controlli della sicurezza. Si è fidato".