Congresso Usa riprende lavori dopo attacco sostenitori Trump

di Patricia Zengerle e Jonathan Landay e David Morgan
·2 minuto per la lettura
Panoramica del Campidoglio, preso d'assalto dai sostenitori del presidente Donald Trump a Washington

di Patricia Zengerle e Jonathan Landay e David Morgan

WASHINGTON (Reuters) - Centinaia di sostenitori del presidente Usa Donald Trump ieri hanno preso d'assalto il Campidoglio, opponendosi alla sconfitta elettorale. Tuttavia, dopo che la polizia ha ripreso il controllo dopo ore di scontri e caos, il Congresso ha ripreso i lavori per certificare la vittoria del presidente eletto, il Democratico Joe Biden.

Nell'assalto più grave in oltre 200 anni al Campidoglio, simbolo della democrazia americana, i manifestanti hanno superato le barriere di sicurezza, rotto le finestre e scavalcato i muri per introdursi nell'edificio, aggirandosi per i corridoi e lottando con la polizia.

Secondo la polizia durante gli scontri sono morte quattro persone - una ferita da un'arma da fuoco e tre a causa di un'emergenza medica.

I manifestanti hanno invaso il Congresso presenti, battendo sulle porte e costringendo la sospensione del dibattito. La sicurezza ha accatastato mobili contro le porte ed estratto le pistole, aiutando i presenti a fuggire.

"A coloro che oggi hanno preso d'assalto il nostro Campidoglio - non avete vinto", ha detto il vicepresidente Mike Pence, che guidava la seduta, una volta ripresi i lavori. "Torniamo al lavoro", ha aggiunto, seguito da applausi.

La polizia ha impiegato oltre tre ore per allontanare i sostenitori di Trump, prima di dichiarare l'edificio sicuro alle 17,30 (alle 23,30 italiane).

Ieri i Democratici hanno conquistato i due seggi del Senato ancora contestati in ballottaggi in Georgia, dando al partito il controllo della Camera e rafforzando le prospettive per l'agenda di Biden.

Raphael Warnock, un predicatore battista, ha battuto il senatore Repubblicano in carica Kelly Loeffler. Il Democratico Jon Ossoff - un regista di documentari, 33 anni - ha battuto il repubblicano David Perdue.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)