Coni: Buonfiglio, 'presidente non conta se uomo o donna, deve essere bravo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 apr. – (Adnkronos) – "Per me non conta che il presidente del Coni sia uomo o donna, l'importante è che sia il più bravo/a per svolgere al meglio il proprio lavoro". Lo dice il presidente della Fick, Luciano Buonfiglio, in merito alle elezioni per la presidenza del Coni in programma il mese prossimo e alle quali sono candidati il presidente in carica, Giovanni Malagò, l'ex presidente della Federciclismo, Renato Di Rocco e l'ex campionessa olimpica di ciclismo su pista Antonella Bellutti. "Sicuramente nel mondo dello sport ci sono da compiere molti passi per raggiungere un'effettiva parità. Serve prima di tutto cambiare la cultura -sottolinea Buonfiglio all'Adnkronos-. Io ci sto provando, nel mio consiglio federale ci sono 4 donne, tutte bravissime. Dalla mia esperienza, anche in ambito lavorativo, ho capito che se una donna si fa strada molto spesso è perché è più brava di un uomo. Bisogna metterle nelle condizioni di partire alla pari".