Coni: Istituto scienza dello sport, ecco lo scudo aerodinamico per le mezzofondiste veloci

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 mag. – (Adnkronos) – L’Istituto di Scienza dello Sport del Coni, in collaborazione con il Centro Sportivo dell’Arma dei Carabinieri, ha sperimentato ancora una volta, dopo il positivo successo avvenuto con Marcell Jacobs prima dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, lo scudo Aerodinamico con le atlete del mezzofondo veloce.

Sulla pista di Atletica della caserma dell’Arma dei Carabinieri “Salvo d’Acquisto”, gentilmente messa a disposizione dal Comando Unità Mobili e Specializzate “Palidoro” dei Carabinieri e dal Centro Sportivo, questa mattina Federica Del Buono, Gaia Sabbatini e Martina Tozzi, hanno effettuato alcune prove di velocità breve (100 metri) e prolungata (200/500 metri) per sfruttare i vantaggi che si creano correndo nello scudo aerodinamico ad una velocità maggiore del normale.

In questa occasione è stata analizzata la variazione dei parametri essenziali della corsa, come la lunghezza del passo, la frequenza dei passi e la diminuzione dei tempi di contatto. Le stesse prove verranno ripetute con Maria Benedicta Chigbolu e Alice Mangione lunedì prossimo 9 maggio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli