Coni: Malagò, 'dipartimento sport non ci rispetta, siamo stanchi e amareggiati'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 mag. (Adnkronos) – "Abbiamo parlato con il dipartimento ma non ha prodotto i risultati che ritenevamo giusti e sacrosanti, ci dispiace, ci rattrista, c'è una legge, pensiamo di essere non solo risorsa ma un valore aggiunto del Paese e un pezzo dello Stato. Si è deciso di non agire in modo duro, che creerebbe ulteriori problemi, ma ci metteremo in condizione di rappresentare ad ogni livello le nostre istanze". Lo ha detto il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nelle conferenza post Giunta, parlando delle problematiche che ancora persistono nei rapporti con il Dipartimento per lo sport.

"La Giunta del Coni all'unanimità ritiene di non avere interlocuzione di rispetto da parte del dipartimento, questo è un grandissimo problema. Io personalmente sono non solo felice ma condivido che ci siano persone che hanno cariche istituzionali, come la Vezzali, disponibili al dialogo. Noi siamo felicissimi se siamo messi in condizione di essere rispettati, ma in modo oggettivo questo non c'è e lo possiamo dimostrare, ma siamo pacifisti, collaborativi, propositivi ma molto amareggiati e stanchi. Non è mai successo nella storia del Coni neanche ai tempi della Melandr", ha aggiunto Malagò.

"Il problema non è tecnico ma al 100% politico. Le nostre delibere non trovano mai la disponibilità o l’assenso del Dipartimento. I rapporti con il Governo? Sono eccezionali, parlo abitualmente con tutti i ministri, ma dal Dipartimento si cerca di ostacolare il Coni per non inficiare il lavoro di Sport e Salute, perché il perimetro non è ben definito", ha proseguito il numero uno del Coni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli