Consigliere comunale M5s indagato per rapina in una sala slot

consigliere M5s indagato rapina

Rapina aggravata in una sala slot. Questo il reato per cui è indagato Marco Gasperi, esponente del M5s, il Movimento 5 stelle, e vice presidente del consiglio comunale di Città di Castello. La Procura di Perugia ha infatti notificato nelle scorse settimane un avviso di conclusione delle indagini preliminari a carico del consigliere pentastellato.

Consigliere M5s indagato per rapina

La rapina risalirebbe al 10 aprile del 2019 nella sala scommesse “Gold Faraone”, nella zona commerciale Riosecco di Città di Castello. Un uomo dal volto coperto è entrato nel locale con in mano una pistola e ha costretto una dipendente a consegnare 4.500 euro. L’indagine, intrapresa dai carabinieri della Compagnia di Città di Castello, si è immediatamente concentrata su un 30enne, abituale frequentatore della sala slot e scommesse. Il punto di svolta è arrivato con la visione delle registrazioni delle telecamere per la videosorveglianza. Le immagini avrebbero infatti permesso agli inquirenti di identificare elementi fondamentali per risalire all’identità del rapinatore.

Al centro delle indagini anche la presunta arma usata dal malvivente per mettere a segno il colpo, un capellino e un paio di guanti. Audio e video sono stati inoltre posti al vaglio della Sezione fonica e audio video del Ris, il reparto investigazioni scientifiche di Roma. Stando alle ricostruzioni degli investigatori, responsabile della rapina sarebbe proprio il trentenne Marco Gasperi, candidato sindaco con il M5s nel 2016. Gasperi da parte sua è dichiarato tranquillo e con la massima fiducia nell’operato della magistratura. Il consigliere comunale Thoms De Luca ha chiesto le dimissioni di Gasperi per tutelare le istituzioni rappresentate.

Finita in tragedia invece un’altra rapina in una sala slot a Legnano, in provincia di Verona. Un uomo ha ucciso a bastonate il titolare della sala scommesse, di 60 anni, provocandogli un trauma cranico fatale. Il rapinatore è poi riuscito a scappare con un incasso di circa 3.000 euro.