Consiglio dei Ministri del 31 ottobre 2022: ecco le misure approvate

Cdm del 31 ottobre 2022: ecco tutte le misure approvate
Cdm del 31 ottobre 2022: ecco tutte le misure approvate

Il Consiglio dei Ministri si è riunito a Palazzo Chigi, nella giornata di lunedì 31 ottobre 2022, l’obiettivo è stato quello di esaminare e conseguentemente approvare un decreto unico che contiene diverse ed importanti misure.

Consiglio dei Ministri del 31 ottobre 2022: le misure approvate

Sono molte le tematiche che sono state affrontate nel corso del Consiglio dei Ministri di lunedì 31 ottobre 2022, nello specifico sono state approvate diverse misure riguardanti la riforma Cartabia, il Covid e i rave party.

Tra le altre decisioni importanti di questo Cdm, vi è anche l’approvazione della nomina di 31 sottosegretari e 8 viceministri.

Le misure approvate dal Consiglio dei Ministri in materia di Giustizia

Tra le misure decise dal governo nel Cdm del 31 ottobre 2022, vi sono quelle che riguardano l’ambito della Giustizia ed in particolare vi è il rinvio al 30 dicembre 2022 dell’attuazione della riforma Cartabia.

Ecco quanto dichiarato dal ministro della Giustizia Carlo Nordio a riguardo:

“Accolto il grido di dolore di Procure, gip, Corti di Appello e Procure generale nel chiedere il rinvio dell’applicazione della riforma Cartabia che comunque va nella giusta direzione”.

Tale rinvio servirà a garantire una migliore attuazione di quest’importante riforma, ma sempre nel rispetto delle scadenze Pnrr.

Le misure approvate dal Consiglio dei Ministri sul Covid

Tra le altre misure discusse e approvate nel corso del Consiglio dei Ministri di lunedì 31 ottobre 2022, vi sono quelle relative alla gestione della pandemia da Covid-19.

Nello specifico, secondo quanto dichiarato dal Ministro della Salute, Orazio Schillaci:

“È anticipata al 1 novembre la scadenza dell’obbligo di vaccinazione Covid. Questo perchè il quadro epidemiologico è mutato, in particolare dai dati si vede che impatto su ospedali è limitato e c’è diminuzione di contagi e stabilizzazione occupazione ospedali. A ciò si aggiunge la carenza del personale medico: quindi aver rimesso a lavorare questi medici non vaccinati serve a contrastare la carenza e garantire il diritto alla salute”.

Dunque a partire da domani, 1 novembre 2022, per il personale medico e sanitario decade ufficialmente l’obbligo vaccinale anti-Covid. Viene invece prorogato l’obbligo di indossare le mascherine negli ospedali e nelle Rsa.

Le misure approvate dal Consiglio dei Ministri sui rave party

Nel Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri c’è spazio anche per una vera e propria stretta sui raduni pubblici ed in particolare sui cosiddetti rave party.

Nello specifico, secondo quanto dichiarato da Giorgia Meloni, nasce un nuovo reato, ossia quello di “Invasione per raduni pericolosi”, ecco cosa ha dichiarato a riguardo:

“Inizialmente si era ragionato di intervenire su un’aggravante per il reato che già esiste e cioè Invasione di terreni ed edifici, ma abbiamo scelto di introdurre un reato nuovo e diverso per evitare che si inserisse tra i reati contro il patrimonio e non per l’incolumità pubblica”.

La norma ha come obiettivo principale quello di prevenire e contrastare i raduni illegali, chi commette reato rischia la reclusione da 3 a 6 anni ed inoltre una sanzione da 1.000 fino a 10.000 euro.