Consiglio d'Europa: preoccupazione per Curdi in sciopero fame

(ASCA) - Strasburgo, 16 apr - Lo sciopero della fame di un

gruppo di Curdi che vivono a Strasburgo e di tanti altri in

Turchia preoccupano il Segretario Generale del Consiglio

d'Europa. Sono diverse settimane che rappresentanti della

minoranza etnica protestano davanti ai palazzi delle

istituzioni europee per richiamare l'attenzione dell'Europa

sulle condizioni in cui i curdi sarebbero costretti a vivere

in Turchia e anche sul trattamento disumano riservato a

Ocalan in prigione.

''Voglio rassicurare - ha dichiarato oggi Thorbjorn Jgland

- tutti quegli uomini e donne che stanno mettendo in pericolo

la propria salute e la propria vita, che il Consiglio

d'Europa si sta gia' adoperando perche' siano rispettati i

diritti umani in Turchia, come ovunque tra i 47 nostri

paesi.

Gli scioperi della fame in Turchia e a Strasburgo, che vanno

ormai avanti da diverse settimane, non solo debilitano

persone gia' molto provate dalla sofferenza, ma ostacolano

pure il lavoro del Consiglio d'Europa, in particolare del

Comitato per la Prevenzione della Tortura, cui e' stata

affidata l'indagine e che sara' molto piu' efficace se

l'organismo sara' in grado di espletare i propri compiti

senza subire influenze o pressioni''.

Ricerca

Le notizie del giorno