Consiglio di Stato conferma legittimità riforma banche popolari

·1 minuto per la lettura
Una filiale della Banca Popolare di Sondrio a Monza

MILANO (Reuters) - Il consiglio di Stato ha confermato la legittimità della riforma delle banche popolari voluta dal governo Renzi nel 2015.

Nel dettaglio - si legge in un documento - il consiglio di Stato ha confermato, tra le altre cose, la legittimità della prescrizione di una soglia di attivo di 8 miliardi di euro, oltre la quale precludere l'utilizzo della forma giuridica della banca popolare, e dei limiti al rimborso delle azioni in caso di recesso del socio, "soltanto se proporzionati, non potendo eccedere quanto necessario in ragione della situazione prudenziale della singola banca popolare interessata".

Tra le banche popolari interessate dalla riforma, soltanto Banca Popolare di Sondrio non è ancora diventata una SpA, mantenendo lo status di cooperativa in attesa di questa pronuncia.

(Gianluca Semeraro, in redazione a Milano Elvira Pollina)