Consiglio di Stato positivo su spiagge Puglia "Plastic free" -2-

Cro/Mpd

Roma, 7 ago. (askanews) - Un ringraziamento particolare del WWF va agli avvocati del Panda, Lara Marchetta e Giuseppe Delle Foglie, che hanno curato l'intervento ad opponendum del WWF ed evidenziano che: "Il Consiglio di Stato, nel provvedimento monocratico, pare aver condiviso, pur in questa prima fase cautelare, le tesi da noi argomentate avanti il Tar Bari in ordine alla legittimità dell'azione amministrativa regionale che si è mossa all'interno del perimetro normativo costituzionale, interno ed euro-unitario. E, infatti, il Consiglio di Stato ha, tra l'altro, evidenziato come la gestione del demanio marittimo spetti solo e soltanto alle Regioni quindi correttamente la regione Puglia, nell'ambito della gestione integrata della costa (legge regionale n. 17/2015), ha adottato l'Ordinanza balneare 2019. In tale ottica aver previsto limiti e divieti all'uso di plastica monouso negli stabilimenti balneari garantisce, in linea con orientamenti giurisprudenziali ormai pacifici, una tutela 'rafforzata' in materia ambientale pienamente consentita alle regioni. E tanto è avvenuto sulla scorta di un quadro regolamentare UE, espressamente richiamato nelle difese WWF di prime cure, piuttosto netto ed inequivocabile. Per tale motivo le argomentazioni già portate all'attenzione del Tar Bari saranno ribadite con forza anche dinanzi al Consiglio di Stato ed auspichiamo che quest'ultimo confermi il decreto monocratico all'esito della prossima discussione in Camera di Consiglio".

(Segue)