Consiglio Lazio: ok al piano per il Parco del Gran Sasso

(Segue)

Roma, 7 ago. (askanews) - Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Mauro Buschini, ha approvato il piano del "Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga", limitatamente al territorio del Lazio (Accumoli e Amatrice). Nella stessa seduta l'Aula ha approvato anche il rendiconto generale del Consiglio per l'esercizio 2018 (proposta di deliberazione consiliare n. 32 del 1° luglio 2019) e dodici ordini del giorno collegati al Piano territoriale paesistico regionale, già votato venerdì scorso. La proposta di delibera consiliare che approva il piano del "Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga" è stata illustrata in Aula dall'assessora regionale Enrica Onorati, titolare delle deleghe all'Agricoltura, Promozione della filiera e della cultura del cibo, Ambiente e risorse naturali. "Noi siamo coinvolti come Regione Lazio per due nostri comuni - ha detto Onorati - rispettivamente Accumoli ed Amatrice, che insistono dentro questo parco nazionale. È la prima volta che la Regione Lazio adotta un piano d'assetto di un parco nazionale, in questo caso interregionale molto importante". L'assessore ha poi elencato gli obiettivi del Piano: garantire la massima salvaguardia delle aree a maggiore naturalità; valorizzare le peculiarità presenti all'interno dell'area, nello specifico quelle naturalistiche, storico-architettoniche ed archeologiche; favorire la relazione e la continuità biologica con i contesti territoriali limitrofi; organizzare e promuovere forme di fruizione turistica e ricreativa con azioni coordinate a livello anche territoriale. Valerio Novelli (M5s), presidente dell'ottava commissione che ha avviato l'iter di approvazione del provvedimento, è intervenuto per invitare l'Aula a "un voto consapevole, un voto responsabile, non solo perché stiamo parlando del terzo piano di assetto approvato dall'inizio della legislatura, ma anche perché stiamo parlando di alcuni territori che, effettivamente, sono stati gravati da situazioni terribili e terrificanti".